Storia: la mitologia greca

Storia: la mitologia greca

La Grecia è stata la culla della civiltà. La sua storia ci ha lasciato alcuni dei reperti più belli di sempre. Le arti venivano coltivate, vivendo un periodo florido, tanto da arrivare fino ad oggi. La mitologia greca è uno dei maggiori esempi. Ancora adesso studiamo ciò che ci è stato trasmesso. 

La mitologia greca è nota per i suoi racconti sull’Olimpo e sugli dei, tanto da arrivare anche sul grande schermo con Troy. Omero è sicuramente uno dei maggiori esponenti in questo campo, che ci ha lasciato due dei racconti più avvincenti di tutti i tempi. 

Mitologia greca: gli dei dell’Olimpo

Uno degli aspetti più noti della mitologia greca sono sicuramente le loro divinità. Sono uno specchio della civiltà dell’epoca, e ci permette di avere un’idea chiara sulla cultura e sulle tradizioni dell’epoca. 

Le divinità greche sono molteplici, molte dei quali sono figlie di Zeus ed Era. I più famosi sono sicuramente Apollo, dio del sole; Ares, dio della guerra; Afrodite, dea della bellezza; Artemide, dea della caccia; Atena, dea della saggezza; Ade, dio degli inferi; Eros, dio dell’amore e Poseidone, dio del mare. Non sono finite qui, ce ne sono altre ed ognuna di esse è il custode di una delle arti e degli aspetti che riguardano la vita umana.

Le storie più belle della mitologia greca

È difficile scegliere la storia più bella della mitologia greca. Una delle più famose dedicata all’amore, è sicuramente la storia degli androgini, anche noto come mito di Aristofane. Un tempo gli esseri umani avevano due facce, quattro braccia e quattro gambe. La loro forza li spinse a tentare la scalata dell’Olimpo. Zeus per punire questa azione, divise ogni individuo in due parti. Nasce da qui il mito della “metà della mela” e della ricerca dell’anima gemella, e spiega perché l’essere umano è alla costante ricerca del vero amore e del senso di unità.

editor